Livorno, i fossi

COSA VEDERE A LIVORNO IN POCHE ORE: ITINERARIO DA NON PERDERE

La scorsa primavera, in occasione di una fiera del libro, ci siamo recati a Livorno, provincia che non avevamo preso in considerazione nei nostri precedenti viaggi in Toscana. Le poco più di ventiquattr’ore trascorse in città si sono, al contrario, rivelate molto piacevoli e ricche di sorprese.

Livorno si presta a essere esplorata agevolmente a piedi e la nostra visita, iniziata nel primo pomeriggio (dopo essere andati alla scoperta della splendida Villa Reale di Marlia a Lucca) ci ha mostrato una città a misura d’uomo, con scorci interessanti e una piccola chicca di street food da non perdere.

Cosa vedere in poche ore a Livorno: il nostro itinerario

Il nostro percorso comincia dal Cisternone, un edificio in stile neoclassico nato per contribuire all’approvvigionamento idrico di Livorno.

Cisternone Livorno

Dopo averne immortalato l’architettura, abbiamo proseguito a piedi sino al quartiere di Venezia Nuova, per vedere i cosiddetti “fossi“, ovvero i canali medicei che costituiscono una delle classiche cartoline della città. E’ suggestivo passeggiare lungo i fossi, ma potete approfittare del battello per beneficiare di una vista particolare. Noi abbiamo preferito camminare per motivi di tempo, immortalando scorci pittoreschi, tra i quali il Fosso Reale, che un tempo era un vero e proprio fossato che seguiva il perimetro delle mura della città. Vicino al Fosso Reale, troverete Piazza della Repubblica.

Livorno, Fortezza Nuova

Il quartiere di Venezia Nuova rappresenta il cuore del centro storico di Livorno ed è caratterizzato, oltre che dalla presenza di canali, da alcune graziose chiese che valgono una piccola sosta. Suggestiva anche la Fortezza Nuova, che si staglia sull’acqua.

Livorno, i fossi
I fossi nel centro storico di Livorno

E’ giunto il momento di recarci nel luogo più noto e simbolico della città: Terrazza Mascagni. Si tratta di una passeggiata sul lungomare caratterizzata da una pavimentazione a scacchiera, una vera e propria terrazza sul mare, perfetta per un aperitivo al tramonto. Proseguendo lungo la terrazza, si giunge ai Bagni Pancaldi, storico stabilimento balneare cittadino.

Livorno, Terrazza Mascagni

Sulla via del ritorno, prima di tornare in hotel abbiamo visitato il Duomo, passeggiato lungo Via Grande, la principale strada dello shopping, e visto dall’esterno il Mercato delle Vettovaglie.

Duomo di Livorno
Il Duomo di Livorno

La sosta più golosa e gradita, però, è stata una tappa dedicata allo street food livornese: se vi recherete a Livorno non dovete perdervi il “cinque e cinque” (fate attenzione a non chiamarlo cecina, come in altre zone della Toscana). Di cosa si tratta? E’ un panino farcito con torta di ceci (molto simile a quella che per noi liguri è la farinata) e si può richiedere con una gustosa aggiunta di melanzane grigliate, insaporite con aglio, aceto e peperoncino. Il luogo perfetto dove gustarlo è Gagarin, situato in via del Cardinale. Si tratta di una piccola friggitoria in cui si respira quell’atmosfera retrò che rende ancora più gustoso assaggiare la torta di ceci seduti su uno sgabello al bancone. Per cena, invece, non vi resterà che provare il cacciucco alla livornese in uno dei ristoranti o delle trattorie che lo propongono come piatto forte del menu.

Il giorno seguente, abbiamo visto il Monumento ai Quattro Mori, al quale è legata una leggenda: si dice che chi trova il punto esatto della piazza dal quale si riescono a vedere tutti e quattro i nasi dei Mori contemporaneamente sarà molto fortunato. Tentar non nuoce, no?

La nostra meta principale delle ultime ore a Livorno è stata la Fortezza Vecchia, che abbiamo avuto modo di visitare all’interno in quanto la fiera del libro si svolgeva tra le sue mura. Questa fortificazione si trova vicino al porto e, anche se il nucleo originario risale al Medioevo, la struttura attuale fu edificata nel corso del 1500. All’interno oggi può ospitare eventi, è presente anche un bar per rifocillarsi, è ancora visibile e ben conservata la cappella e dalla sommità si può beneficiare di un bellissimo panorama sulla città che in una giornata tersa dà il meglio di sé.

Livorno, Fortezza Vecchia
Livorno, Fortezza Vecchia
Panorama dalla Fortezza Vecchia di Livorno

La nostra visita termina qui, ma se avete più tempo potete optare per una visita all’Acquario, che potrebbe essere particolarmente gradita ai più piccini.

Livorno, perché vale la pena visitarla

Rispetto ad altre città della Toscana, pur essendo meno affascinante dal punto di vista del patrimonio storico-artistico conservatosi, Livorno a mio avviso vale una piccola sosta, anche soltanto per una breve visita di poche ore. Una passeggiata tra i fossi e sulla Terrazza Mascagni, la vista dalla Fortezza Vecchia e le prelibatezze culinarie che offre sono motivi sufficienti per trascorrere qualche ora rilassante e piacevole. Inoltre, se avete un po’ di tempo per esplorare i dintorni, valgono una sosta il Santuario di Montenero (del quale ci hanno parlato benissimo), oppure le località sabbiose della zona costiera, da Marina di Bibbona a Castiglioncello, senza dimenticare i borghi dell’entroterra come Bolgheri.

Potrebbe interessarti anche…

ITINERARIO IN MAREMMA: TRE BORGHI DA SCOPRIRE

TOSCANA DA CARTOLINA: ARGENTARIO E MAREMMA

VILLA REALE DI MARLIA, TRA NATURA, ARTE E MERAVIGLIA

VAL D’ORCIA: SAN QUIRICO D’ORCIA E DINTORNI

6 pensieri su “COSA VEDERE A LIVORNO IN POCHE ORE: ITINERARIO DA NON PERDERE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...