parco dei mostri bomarzo

PARCO DEI MOSTRI DI BOMARZO: GUIDA AL SACRO BOSCO

Grottesco, originale e molto divertente. Un percorso tra mostri in pietra, figure mitologiche e bizzarre sculture immerso nella tranquillità di un bosco che contribuisce ad avvolgerlo in un alone di mistero. Il Parco dei Mostri o Sacro Bosco di Bomarzo, seconda meta del nostro itinerario tra Tuscia e via Tiburtina, è una tappa che vi consiglio di non perdere: non si tratta solo di un’avventura per i più piccini, ma decisamente di un percorso singolare e sorprendente anche per i più grandi.

Il Parco dei Mostri nasce nel XVI secolo per volontà del principe Pier Francesco Orsini, detto Vicino, il quale commissionò all’archietetto Pirro Ligorio un progetto decisamente singolare, dedicato alla moglie, Giulia Farnese. Non un parco dalla bellezza classica, in cui passeggiare ammirando sculture eteree e perfette di dei dell’Antica Grecia, bensì un percorso misterioso e criptico, che incuriosisse (e intimidisse) gli ospiti meno eruditi, mettendo alla prova la loro preparazione culturale. Alcune sculture, infatti, sono accompagnate da frasi e citazioni in latino che spesso, anziché, fornire una spiegazione, confondono il visitatore. Un percorso enigmatico (una delle ipotesi è che potesse essere addirittura legato all’alchimia) e per questo unico ed affascinante.

sacro bosco bomarzo

L’ingresso del Sacro Bosco e il paese di Tivoli in lontananza

All’ingresso viene consegnata una mappa, da seguire rigorosamente per non perdere le sculture che si celano tra le fronde. Il bosco, tutt’altro che tetro in una bella giornata di sole, si estende per circa tre ettari e la prima statua che si incontra raffigura una piccola sfinge. Seguendo la cartina, si incontra Proteo (detto anche Glauco), mostro antropomorfo che sembra emergere dal terreno,  fino ad arrivare all’enorme scultura di Ercole e Caco, due giganti in lotta. Poco più avanti scorre il fiume, formando una piccola cascata in cui spiccano le fauci spalancate e minacciose di un’Orca. Completano il gruppo una grande tartaruga sormontata da una Nike e la pacifica Fontana di Pegaso.

proteo glauco parco dei mostri

Proteo (Glauco)

sfinge parco dei mostri

La sfinge

tartaruga parco dei mostri

La tartaruga del Sacro Bosco

Proseguendo, lo sguardo non può fare a meno di notare gli obelischi, sormontati da teste di dee e dei. Di fronte si trova il teatro, mentre nelle vicinanze si trova il ninfeo che ospita le tre Grazie. Se tutto ciò vi sembra poco mostruoso, continuate ad addentrarvi nel bosco perché non mancheranno le stranezze, cominciando con l’eccentrica Casa Pendente: si tratta di un edificio inclinato, ma visitabile comunque al primo piano. Quando entrerete il vostro senso dell’equilibrio sarà messo a dura prova, la sensazione che si prova camminando sul suo pavimento obliquo è di vertigine!

obelischi colonne bomarzo

tre grazie parco dei mostri

Le tre Grazie

Ma…i mostri? Oltrepassati la panca etrusca e il vaso, si giunge alla scultura simbolo del parco: lo spaventoso Orco! Bocca aperta, con tanto di scritta “ogni pensiero vola”, denti aguzzi e occhi famelici…fare una foto nella sua cavità orale è d’obbligo. 😉 All’interno della bocca dell’Orco si trova, curiosamente, un tavolino in pietra ben poco minaccioso. Il percorso è a questo punto disseminato di mostruose creature come il drago che lotta con delle belve e l’elefante. Se vi state chiedendo come possa un pacifico elefante essere spaventoso, ve lo spiego brevemente: è stato scolpito nell’atto di portare via con la proboscide il corpo di un legionario e sembra quasi pronto ad inghiottirlo!

parco dei mostri bomarzo

L’Orco, una delle sculture più note del Parco dei Mostri a Bomarzo

bomarzo drago

Il drago

parco dei mostri bomarzo

L’elefante

Le figure mitologiche tornano poco dopo con Cerere, dea (ovviamente di dimensione enorme) romana della fertilità, Nettuno e una creatura marina, e la donna dormiente, probabilmente una ninfa.

cerere parco dei mostri

Cerere

nettuno parco dei mostri

Nettuno e la creatura marina

donna dormiente bomarzo

La Donna Dormiente

Tra le sculture più inquietanti, la tomba. Mentre quella da osservare con maggiore fantasia in quanto piuttosto rovinata è l’ariete (ci siamo passati davanti due volte prima di capire che si trattasse della statua giusta).

tomba bomarzo

Di fronte al piazzale dei vasi si erge un gruppo scultoreo davvero d’impatto: la mostruosa Furia alata ed Echidna, con le gambe divaricate. Entrambe le figure sono per metà umane e per metà animali ed in mezzo a loro si trovano due leoni (che a mio avviso sono decisamente meno spaventosi). Superati gli orsi e i vasi, si giunge alla statua di Persefone (o Proserpina), direttamente dagli inferi. A pochi passi le tre teste di cerbero emergono dalle fronde.

parco dei mostri bomarzo

Echidna e i leoni

Furia parco dei mostri

Furia

persefone cerbero parco dei mostri

Persefone e, sullo sfondo, Cerbero

L’ultima parte del percorso è ariosa e dall’atmosfera più serena: un tempio si erge accanto ad un prato, mentre la Rotonda, una terrazza circolare in pietra, conclude l’itinerario. A questo punto si torna indietro agevolmente passando nuovamente di fronte alle primissime statue incontrate lungo il cammino.

parco dei mostri tempio

Il tempio

Il Parco dei Mostri unisce la passione per la natura e le passeggiate all’aria aperta all’amore per l’arte, soddisfando la curiosità del visitatore in un viaggio onirico dalle molteplici sfaccettature. Misterioso e impenetrabile, eppure non minaccioso, ma estremamente intrigante!

Parco dei Mostri – Dove si trova  – Il parco si trova nel Lazio, a Bomarzo, in provincia di Viterbo e quindi nel cuore della Tuscia.

Parcheggio – Gratuito, in un piazzale a pochi minuti di passeggiata dalla biglietteria

Costo del biglietto – L’ingresso intero costa € 10,00.

Orari e aperture – Potete consultare gli orari aggiornati sul sito ufficiale, accessibile a questo link 

Area picnic e area giochi – All’inizio del percorso, subito dopo la biglietteria e poco prima di addentrarsi nel parco vero e proprio, sono state allestite un’area picnic e un’area giochi per i più piccini.

Durata visita – Il percorso, passeggiando con calma per scattare le immancabili foto, dura circa un’ora e mezza/un paio d’ore.

Abbigliamento e consigli pratici – Optate per scarpe comode e con buona presa sul terreno perché, quando è piovuto da poco, in alcuni punti potrebbe diventare fangoso. Se avete bambini piccoli, privilegiate marsupi o zaini porta-bimbi, più pratici rispetto al passeggino. Il percorso è comunque agevole, senza particolari difficoltà. Molte delle recensioni che ho letto parlano di un grande affollamento di visitatori, che ha influito sulla percezione della “magia” del parco. Per quanto ci riguarda, il sabato prima di Pasqua nel primissimo pomeriggio si poteva girare tranquillamente, abbiamo solo atteso un minuto il nostro turno per scattare una foto vicino all’Orco. In ogni caso, è bene privilegiare il mattino per una visita meno affollata.

Cosa migliorerei – Non ho visto cestini per la raccolta differenziata nel parco né nel parcheggio, personalmente li inserirei per una questione di rispetto verso l’ambiente. Alcune statue al momento della mia visita erano ricoperte di muschio e necessiterebbero di una pulizia accurata per tornare all’antico splendore (immagino che comunque probabilmente venga effettuata ciclicamente).

Punti di forza – Ambientazione, sculture uniche, adatto a grandi e piccini.

Cosa visitare nei dintorni – Se avete tempo, fate un salto nel paesino di Bomarzo, visto che il Parco dei Mostri sorge proprio ai suoi piedi. Anche la suggestiva Civita di Bagnoregio dista  pochi chilometri. Un altro itinerario suggestivo si ottiene “sconfinando” nella vicina Umbria, ricca di natura e borghi incantevoli (qui sotto trovate qualche spunto).

Potrebbe interessarvi anche…

TRA TUSCIA E VIA TIBURTINA: ITINERARIO PER UN WEEKEND NEL LAZIO

CIVITA DI BAGNOREGIO, LA SURREALE CITTA’ CHE MUORE

PRIMO ITINERARIO NELLA VERDE UMBRIA

NEL CUORE DELLA PENISOLA, SECONDO ITINERARIO IN UMBRIA

11 pensieri su “PARCO DEI MOSTRI DI BOMARZO: GUIDA AL SACRO BOSCO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...